Weekend a Brescia: cosa vedere

Weekend a Brescia: cosa vedere

La città di Brescia, si apre ai piedi dei colli antistanti le Prealpi, quasi allo sbocco della val Trompia. Piacevole è percorrere le strade panoramiche che salgono sulle pendici delle alture conosciute come Ronchi, ricoperti da varia vegetazione quasi mediterranea ma altrettanto interessante è passeggiare per le vie del centro alla scoperta delle gemme della città. Scopriamo insieme cosa visitare a Brescia.

Le grandi piazze del centro
Il centro di Brescia è di particolare interesse storico e artistico e si sviluppa intorno a Quatto piazze (Piazza del Mercato, Piazza della Vittoria, Piazza della Loggia e Piazza Paolo VI) vicino al principale Corso Palestro, cuore culturale della città.
Sorta in epoca medioevale, Piazza del Mercato nasce sulle aree spianate dalla demolizione delle mura del XII secolo. Se in passato era una piazza riservata al mercato di panni e lino, oggi ci offre un interessante e caratteristico mercato con piccoli negozi che, da sotto i portici, vendono prodotti locali come salumi e formaggi.

Piazza del Mercato - Brescia

Piazza del Mercato – Brescia

Piazza della Vittoria ci rimanda indietro all’austerità dell’età fascista, in cui lo stile dell’architetto Piacentini viene rappresentato dalla bellezza severa del monumentalismo della piazza. I negozi, le boutique, gelaterie e pasticcerie presenti sotto i portici rappresentano un valido motivo per un pomeriggio all’insegna dello shopping.

Piazza Vittoria - Brescia

Piazza Vittoria – Brescia

Gioiello rinascimentale lombar¬do veneto, Piazza della Loggia è sicuramente la piazza più bella della città. L’influenza di origine veneziana si nota chiaramente nella Loggia e nella Torre dell’Orologio, che con il suo orologio astrologico ci rimanda con il pensiero al campanile di Piazza San Marco a Venezia. In un angolo della piazza si può ammirare la Porta Bruciata, una delle antiche torri difensive della città di origine medievale che deve il suo nome all’incendio che nel 1184 divampò distruggendo le casupole in paglia e legno che occupavano questa zona.

Piazza Paolo VI, infine, è una delle poche piazze in Italia a possedere due cattedrali: il Duomo vecchio del XI secolo chiamato Cattedrale della Rotonda, un raro esempio di Basilica di origine Romaniche con una pianta di tipo circolare. Al suo interno, assolutamente da non perdere è il bellissimo sarcofago di Berardo Maggi, vescovo e primo signore di Brescia. Costruito in marmo rosso di Verona, è riccamente e finemente decorato e si trova proprio all’ingresso. La seconda cattedrale di Piazza Paolo VI è il Duomo nuovo del 1604. È la chiesa principale di Brescia e al suo interno ospita diverse opere d’arte tra cui l’arca di Sant’Apollonio, nella terza cappella destra della navata sud.

Cupola Duomo Nuovo - Brescia

Cupola Duomo Nuovo – Brescia

Sicuramente degna di nota è la cupola del Duomo nuovo: con i suoi 80 metri d’altezza è la terza in Italia per grandezza dopo San Pietro a Roma e Santa Maria del Fiore a Firenze. Nella piazza di trova un altro monumento storico: il famoso Broletto, il Palazzo Comunale di origine medioevale, definito come tra i più belli d’Italia per la sua torre del XI secolo.

Piazza del Foro e Tempio Capitolino (Capitolium)
Dietro Piazza del Duomo, la Via Mazzini, porta alla bellissima Via dei Musei, dove troviamo i resti della Brescia antica, la città di Brixia, il cui monumento più importante e meglio conservato è il Tempio Capitolino, un tempio Romano fatto costruire da Vespasiano nel 73 d.c.

Tempio Capitolino - Capitolium - Brescia

Tempio Capitolino – Capitolium – Brescia

Esattamente dietro al tempio, troviamo tre ricostruzioni della “Trinità Capitolina” di Giove, Giunone e Minerva, oggi ospitante frammenti di monumenti funebri e pavimenti a mosaico. Quest’angolino di Brescia, che ricorda l’antica Roma, costituisce oggi il maggior complesso archeologico romano della Lombardia. Buona parte delle collezioni archeologiche ritrovate in quest’area sono ora esposte nel vicino complesso di Santa Giulia-San Salvatore .

Il complesso di Santa Giulia e San Salvatore, patrimonio UNESCO
Indubbiamente il luogo più misterioso ed intrigante della città di Brescia è l’Abbazia di San Salvatore e Santa Giulia, dell’VIII secolo, uno dei monumenti più antichi della città che oggi, adibito a museo, racconta oltre 3000 anni di storia della città.

Complesso di San Salvatore - Santa Giulia - Brescia

Complesso di San Salvatore – Santa Giulia – Brescia

Un percorso che si snoda tra le chiese e i chiostri dei monasteri, i cui pezzi forti sono la Croce di Desiderio (fine VIII secolo) gelosamente custodita nella sala superiore di Santa Maria in Solario, la statua in bronzo di Afrodite-Vittoria(periodo ellenistico) e il Coro delle Monache del monastero di Santa Giulia con i suoi spettacolari affreschi del Cinquecento. Inoltre, direttamente dal museo si accede a un’area archeologica di circa 1000 metri quadri in cui si trovano i resti di due abitazioni romane.

Museo Santa Giulia a Brescia

Museo Santa Giulia a Brescia

Il Castello di Brescia
Sulla sommità del colle Cidneo, sorge il Falcone d’Italia, fulcro difensivo della città nonché teatro, nel 1849, delle storiche Dieci Giornate di Brescia. Il castello rappresenta una delle più grandi e meglio conservate fortezze di tutto il Nord Italia. Nel complesso, dominato dalla torre Mirabella, si trovano due musei: il Museo del Risorgimento e il Museo delle Armi e si notano ancora le testimonianze della Repubblica di Venezia, che dominò la città per quattro secoli (nel maestoso portone d’ingresso si trova il Leone di San Marco).

Castello di Brescia

Castello di Brescia

Per raggiungere il castello, è necessario passeggiare in salita per 15 minuti circa: si può partire sia dall’aerea archeologica (via dei Musei) che da altre zone della città.
Inutile dire che dal castello si gode di una formidabile vista sulla città, soprattutto al tramonto. Davvero molto romantica.

Stai cercando un hotel? Ecco dove dormire a Brescia.