Navigare sui Navigli: 5 cose da sapere

Navigare sui Navigli: 5 cose da sapere

Navigare lungo i canali ammirando palazzi, ville e vegetazione. Non siamo a Venezia, ma a Milano e dintorni, un paesaggio che ammirato dai Navigli acquista tutta un’altra prospettiva e mostra tesori nascosti. I Navigli sono infatti navigabili, e sono una strada insolita per scoprire le bellezze artistiche del territorio e immergersi in una natura ancora incontaminata.
Ecco cinque cose da sapere per la navigazione sui Navigli:

1. Cosa sono i Navigli:
Milano è bagnata da 5 Navigli, che la collegano al lago Maggiore, al Lago di Como e alla città di Pavia. Sono i canali artificiali più antichi d’Europa, risalgono al XII secolo e facevano di Milano uno dei più importanti scali commerciali. Venivano utilizzati per i trasporti commerciali o l’irrigazione dei campi con acqua proveniente dal Ticino, oppure per raggiungere Milano dai comuni vicini, utilizzando il famoso Barchett, una piccola imbarcazione che passava a orari stabiliti, proprio come un autobus, impiegando ben 7 ore per raggiungere la città. Sulle rive dei Navigli hanno vissuto per centinaia di anni lavoratori e artigiani, e sono nati borghi adesso molto pittoreschi.

navigli_at_sunset

Navigli at sunset [Photo credits Jeff Krause]

2. Come funziona:
I tour sui navigli sono organizzati dal consorzio Navigli Lombardi, che si occupa anche di tutelare, promuovere e conservare i canali, un vero e proprio “reperto storico” che racconta la storia della città. Ogni anno, gli itinerari cambiano: quest’anno, ne sono previsti 3. La partenza dei tour sulle barche lungo i Navigli è all’Alzaia Naviglio Grande 4, tutti i giorni fino a settembre, con pausa dal 12 al 19 agosto. Durante l’estate, sono previste anche navigazioni notturne, ma ogni itinerario ha orari specifici. Per informazioni, www.naviglilombardi.it. Una volta lì, sarà possibile decidere quale itinerario seguire.

naviglio_grande_milano

Milano, naviglio grande

3. Cosa vedere:
Gli itinerari attivi ad oggi sono tre. Uno dei meno “impegnativi” è l’Itinerario della Darsena, che dura 55 minuti, e permette di scoprire gli antichi luoghi solcati dai barconi che rifornivano la Milano dei tempi antichi. Si osservano il Vicolo dei Lavandai, dove le donne hanno lavato i panni dei milanesi per secoli, Palazzo Galloni, e il complesso Monumentale composto dalla Chiesa, dal Ponte e dal Lavatoio di San Cristoforo. Si passa poi sotto il ponte dello “Scodellino” e si entra nella Darsena, un tempo un vero e proprio porto di interscambio con il Lago Maggiore. L’Itinerario dei Fontanili, comprende quello della Darsena e prosegue però verso Corsico, Trezzano sul Naviglio e poi Gaggiano, dove si può visitare il Santuario di Sant’Invenzio. L’itinerario delle Delizie percorre poi il tratto di Naviglio Grande che porta a Cassinetta di Lugagnano e Castelletto di Cuggiono, immerso nel verde, costellato dalle bellissime ville patrizie risalenti al XV e XVI secolo. Si incontrano poi Ponte Vecchio e Nuovo di Magenta, lo storico borgo di Boffalora Sopra Ticino, Bernate con la Canonica Agostiniana, fino alla meravigliosa scalinata di Villa Clerici, a Castelletto di Cuggiono. Si può terminare un tour con un pranzo a Boffalora Sopra Ticino.

Porta Genova Milano

Porta Genova Milano

4. NavigarMangiando:
I più golosi non potranno lasciarsi sfuggire il tour NavigarMangiando, che permette di navigare sui Navigli per poi fermarsi in un ristorante tipico a cena. E’ prevista una navigazione serale per raggiungere uno dei numerosi ristoranti lungo le sponde del Naviglio, dove gustare le delizie tipiche del territorio e rilassarsi poi al ritorno, navigando nel suggestivo Naviglio Grande al chiaro di luna. Si può scegliere se cenare a Bernate Sopra Ticino, a Pontevecchio di Magenta o a Robecco sul Naviglio.

navigli_milano

Navigli a Milano

5. La Darsena:
Il punto di partenza dei tour sui Navigli si affaccia sulla rinnovata Darsena, in occasione di EXPO 2015 completamente riqualificata, con l’obiettivo di creare un luogo di scambio e divertimento per i milanesi. Si tratta del raccordo tra il Naviglio Grande e Naviglio Pavese, in passato un importante raccordo per il commercio fluviale, per anni un luogo trascurato e privo di vita. Adesso, grazie alla ristrutturazione che l’ha dotata di numerosi spazi verdi, installazioni, locali, un mercato coperto, pontili e moltissimi eventi, è diventato uno dei centri pulsanti della città, e brulica di vita nelle sere d’estate. L’ideale per un aperitivo al tramonto, o per un pomeriggio soleggiato insieme alla famiglia o agli amici, in attesa del proprio tour alla scoperta della Milano by boat.

Vuoi sapere dove soggiornare a Milano?