Il presepe in Italia: origini e tradizioni

Il presepe in Italia: origini e tradizioni

Numerose sono le tradizioni del presepe che contraddistinguono il nostro paese da nord a sud.
Molto caratteristica è quella napoletana, dove “o’ Presebbio” è costituito principalmente da pastori in terracotta, rigorosamente acquistati a San Gregorio Armeno, la via dei presepi napoletani. Qui decine e decine di negozi artigiani espongono le loro creazioni: l’offerta e la varietà dei prodotti è così vasta che è impossibile andarsene a mani vuote. La vera portata e il lascito culturale del presepe napoletano risiedono però nel realismo delle sue rappresentazioni. In questo caso il presepio non è più solo un simbolo religioso, ma uno strumento descrittivo, identificativo e unificante della comunità di appartenenza, nella sua dettagliata composizione, è il luogo dove sacro e profano, spiritualità e vita quotidiana, convivono.

Un’altra tradizione molto forte e radicata coinvolge invece il territorio siciliano, dove il presepe è spesso realizzato con l’aggiunta di prodotti tipici locali, come rami d’arancio e di mandarino.
A Longi (ME) e Monreale (PA) le rappresentazioni dei presepi sono accompagnate da canti e melodie realizzati con antichi strumenti, come la zampogna. A Centuripe (EN) è possibile ammirare i tanti presepi artistici, realizzati da associazioni culturali, singoli artigiani o dai cittadini ed esposti per le strade e le piazze della città. A Palermo e nel Siracusano domina la cera che, usata inizialmente per realizzare solo Gesù Bambino, è diventata nel corso degli anni l’unica materia prima adoperata. A Trapani invece domina l’uso di materiali nobili come corallo, avorio, madreperla, alabastro e conchiglie, mentre a Caltagirone l’uso della terracotta.
UNA Hotel Napoli e UNA Hotel One (Siracusa) ti propongono offerte speciali per i giorni di Natale e ti aspettano per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno!