Golfing in Florence, un tour tra i migliori golf club in Toscana

Golfing in Florence, un tour tra i migliori golf club in Toscana

Ospitiamo il racconto del nostro amico Mario Rossi che ci ha regalato un’appassionata e appassionante narrazione del suo tour per i più bei Golf Club in Toscana.

Il programma dell’estate era fare un tour che omaggiasse la mia passione: il golf. Ho così deciso di andare in Toscana, dove Firenze si sta affermando come una nuova Golf destination con la presenza di ben 3 dei migliori Golf Club in Italia: l’UNA Poggio dei Medici Golf Club, Le Pavoniere Golf & Country Club e il Circolo Golf Ugolino. Tre eccellenze a 18 buche, tutte a una distanza quasi equivalente dalla città, così da poter cogliere l’occasione anche per visitare il centro cittadino e le splendide colline toscane.
Quindi sacca in spalla, e che abbia inizio il tour!

Ho deciso di partire dal vincitore del “Premio speciale nuovi campi” in Italia, nonché il vincitore dell’importante riconoscimento degli “World Golf Awards” come “Italy’s Best Golf Course 2016”, l’UNA Poggio dei Medici Golf Club, con 18 buche, par 73, e un corso di 6,468 metri di lunghezza. Arrivato lo spettacolo è stato emozionante: una magnifica struttura e un importante campo nel cuore della valle del Mugello, protetto dagli Appennini. La tentazione appena arrivato di scendere in campo è stata fortissima e resistere all’impulso impossibile. Ho preso il mio set di mazze e… via!

UNA Poggio dei Medici, Mugello in Toscana

UNA Poggio dei Medici, Mugello in Toscana

Il campo si è presentato subito molto intrigante con 5 diversi tee di partenza. Il gioco sembra a primo impatto emozionante: i green non sono facilmente aggredibili e ben difesi con ondulazioni e pendenze che possono mettere in difficoltà. Le buche sono mediamente abbordabili per i giocatori di livello medio, anche se di lunghezza impegnativa. A mettere in difficoltà dal tee è la buca dieci: una buca con pendenza a destra e con ostacoli d’acqua sia a destra che a sinistra. È necessario un drive quasi perfetto. A lasciare di sicuro a bocca aperta, è la vista da alcune buche del borgo di Scarperia.

Scarperia [Photo credits mariarosariabruno]

Scarperia [Photo credits mariarosariabruno]

La partita è stata soddisfacente sia per il campo che per l’esperienza di gioco. Decido di sfruttare la permanenza nell’incantevole Resort per scoprire le bellezze della zona. Non nego che tra le mie speranze recondite c’era quella di riuscire a spiare un test della Ferrari all’Autodromo del Mugello, peraltro a soli 15 minuti dalla struttura. La mia speranza è stata ovviamente delusa, anche se ci ho creduto e sperato fino alla fine, ma visitare l’autodromo penta premiato come Best Gran Prix era una cosa che valeva la pena fare in ogni caso.
Il giorno successivo, chiedo consigli al cordiale personale della struttura su come passare una giornata all’insegna del relax. Mi propongono di andare al Lago di Bilancino, a 20 minuti dall’Hotel, dove è possibile cimentarsi con vela, windsurf, catamaran, barche e canoe. Lo spettacolo che si apre alla vista è incantevole: calme acque blu e dolci venti, il tutto costeggiato dalla tipica vegetazione toscana. Mi godo il momento di piena estasi prima di ripartire per una capatina quasi d’obbligo al vicinissimo Outlet di Barberino.

golf-and-country-club-le-pavoniere-prato-tuscany-florence-

Golf Club Le Pavoniere, Prato, Toscana

L’indomani, di buon’ora, mi metto in viaggio verso Prato. Prima di raggiungere Le Pavoniere Golf & Country Club, mi consigliano un pit-stop al Centro Pecci, una struttura dal forte impatto visivo per un bellissimo museo interamente dedicato all’arte contemporanea che vale decisamente la pena visitare se ci si trova nei paraggi.
Da lì, in soli 15 minuti arrivo a Le Pavoniere: un incantevole campo da golf che si affaccia su un parco antico, linee perfette di gioco, 1.800 alberi di specie autoctone e aiuole di fiori intorno agli ostacoli d’acqua.

Golf_Toscana_LePavoniere_Prato

Golf in Toscana, Le Pavoniere Prato

Con un simile paradiso naturale davanti, non potevo che prendere subito le mie mazze e cominciare a giocare.
Il percorso è dei più allettanti e accattivanti, gli ostacoli rendono dalla prima buca la partita emozionante: uno splendido filare di pioppi bianchi e un fossetto lungo la pista renderebbero difficoltoso il recupero per un eventuale slice, il primo colpo deve essere ben giocato. Ma è la seconda buca a presentarsi subito come tra le più insidiose: enormi mounts sulla destra e un ostacolo d’acqua sulla sinistra, che arriva fin sotto al green. La più scenografica, però, è di certo la sesta buca: il fairway si trova su un’isola e il green è protetto sia da un ostacolo d’acqua che da un grande bunker. Occorre effettuare un buon primo colpo da qui per cercare di approcciare al green in maniera ottimale.
Più che soddisfatto anche da questa sfida, prima di partire per l’ultimo dei tre campi del Golfing in Florence, decido di passare dalla magnifica Firenze. La città vista da Piazzale Michelangelo fa sempre un certo effetto: lo sguardo si perde su tutta la città abbracciata dalle colline e tagliate dall’Arno. Il tempo di lasciarsi incantare e di allietare i sensi dalla buona cucina toscana, ho ripreso il viaggio per il circolo più antico d’Italia fondato nel 1889, il Circolo Golf Ugolino ad Impruneta.

Circolo_Golf_Ugolino

Circolo Golf Ugolino

Un delizioso posto con le colline del Chianti come cornice per un percorso estenuante, non tanto per lunghezza quanto per i tecnicismi, immerso tra le vigne indigene, gli ulivi, i pini marini e le ginestre. I green sono piccoli e ben difesi dai bunker e i fairway inclinati rappresentano una grande sfida. Questo campo mi incuriosiva da quando venne inserito in “Fifty places to play golf before you die” dello scrittore Chris Santella. La maggior parte delle buche richiedono concentrazione e colpi molto accurati e precisi. La buca 15 si presenta come molto difficile a causa della forte pendenza a destra e, in linea di massima, è richiesta sempre un’estrema attenzione. Tutto il percorso, perfettamente integrato col dolce paesaggio delle colline circostanti, rende l’esperienza di gioco realmente unica.

Il bilancio del tour è stato decisamente positivo. Firenze ha tutte le carte in regola per affermarsi come una Golf destination d’eccellenza. I tre campi, tutti ugualmente intriganti e appassionanti nelle loro differenti caratteristiche, con i loro spettacolari scenari naturali, fanno vivere agli appassionati di questo sport un’esperienza realmente unica.