“David Bowie Is” a Bologna la vita e la carriera di David Bowie

“David Bowie Is” a Bologna la vita e la carriera di David Bowie

E’ uno degli artisti più audaci, caleidoscopici, influenti e innovativi della musica di tutti i tempi, che con i suoi look, i suoi testi e le sue musiche ha ridefinito lo stile musicale moderno. E’ David Bowie, il Duca Bianco, autore di capolavori come “Heroes” e “Life On Mars”. Gli amanti di questo artista, dal 14 luglio al 13 novembre potranno conoscere qualcosa in più su di lui a Bologna, che ospita al MAMbo, Museo d’Arte Moderna della città di Bologna, “David Bowie Is”, la prima retrospettiva sull’artista, una delle mostre di maggior successo degli ultimi anni realizzata dal Victoria and Albert Museum. Per la prima volta ha debuttato a Londra nel 2013, ed è stata poi ospitata a Chicago, San Paolo, Toronto, Parigi, Berlino, Melbourne e Groningen; arriverà a Bologna dal 14 luglio al 13 novembre, unica tappa italiana e ultima tappa europea.

Striped bodysuit for Aladdin Sane tour 1973 - Design by Kansai Yamamoto - Photograph by Masayoshi Sukita Sukita

Striped bodysuit for Aladdin Sane tour 1973 – Design by Kansai Yamamoto – Photograph by Masayoshi Sukita Sukita

300 oggetti, selezionati dai curatori della mostra Victoria Broackes e Geoffrey Marsh dall’archivio personale del musicista, tra cui manoscritti, spartiti scritti a mano, costumi originali, fotografie, ricostruzioni di set, filmati, e molto altro ancora, che raccontano cinque decadi di vita e carriera di un artista che ha unito musica, arti visive, moda, scrittura, cinema, lasciando una scia che ha cambiato per sempre tutti i campi che mano a mano è andato a influenzare. Il tutto viene strutturato attraverso un percorso definito da contenuti “multimediali”, che prendono per mano il visitatore e lo portano in un viaggio emozionale che passa attraverso il processo creativo di David Bowie, tramite video, installazioni teatrali e animazioni. La mostra è divisa in tre principali sezioni: la prima parte racconta i primi anni di vista e della carriera nella Londra del 1960, la seconda parte rivela le fonti di ispirazione che hanno dato forma alla sua musica, e l’ultima sezione farà sperimentare i grandi concerti live di Bowie, tra oggetti di scena e costumi. In Italia, è la prima volta che si possono ammirare così tanti “cimeli” raccolti ed esposti dal David Bowie Archive.

Da non perdere, l’outfit originale di Ziggy Stardust (1972), realizzato da Freddie Burretti, le cover artistiche degli album a cura di Guy Peellaert e Edward Bell, le fotografie di Brian Duffy, parti di performance live come The Man Who Fell to Earth e arredi creati per il Diamond Dogs tour (1974).

L’occasione è ideale anche per visitare Bologna, che con i suoi portici, le sue piazze, le eccellenze enogastronomiche e i numerosi locali è una città perfetta per un fine settimana all’insegna dall’arte, della cultura e della buona tavola. Scopri dove dormire!