Celebrare Firenze Capitale d’Italia

Celebrare Firenze Capitale d’Italia

Anche Firenze è stata Capitale d’Italia: quest’anno si celebrano i 150 dal primo giorno di questa breve parentesi, durata dal 1865 al 1871. Nel 1865 infatti, la Capitale è stata trasferita da Torino nel capoluogo toscano su ordine di Napoleone III in base alla Convenzione di Settembre. Sei anni che hanno lasciato un segno nella città, fortemente modernizzata per adeguarsi al nuovo ruolo, seguendo il progetto dell’architetto Giuseppe Poggi, investito dell’incarico di progettare il nuovo assetto della città. Furono distrutti interi quartieri medievali del centro storico, abbattute le mura trecentesche e costruiti viali larghi e più adatti all’epoca, che tutt’oggi sono i viali di circonvallazione della città, compreso quello che porta verso il meraviglioso Piazzale Michelangelo. Sono merito suo anche il quartiere della Mattonaia, Piazza Indipendenza, la rete fognaria, e molti altri interventi che trasformarono la “Culla del Rinascimento” nella città che vediamo oggi. La corte regale attirò anche molti personaggi di primo piano come Luigi Capuana, Alessandro Manzoni e il grande Dostoevski.

Firenze - Palazzo Pitti

Firenze – Palazzo Pitti [Photo credits Mario Cutroneo]

l Re Vittorio Emanuele II si trasferì a Palazzo Pitti, diventato la nuova Reggia, mentre la sede del Presidente del Consiglio La Marmora si spostò a Palazzo Medici Riccardi, la Camera dei Deputati venne allestita nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio e il Senato nella Sala dei Duecento di Palazzo Vecchio. La parentesi di Firenze Capitale dura poco: dopo la breccia di Porta Pia, la capitale viene trasferita di nuovo a Roma.

In tutto il 2015, sono moltissime le attività organizzate per celebrare questo anniversario:

  • Fino al 6 giugno, sarà visitabile la mostra, con ingresso libero, all’Archivio di Stato “Una capitale e il suo architetto. Eventi politici e sociali, urbanistici e architettonici. Firenze e l’opera di Giuseppe Poggi”, mentre sarà aperta fino al 5 aprile all’Ente Cassa di Risparmio in via Bufalini 6 l’esposizione “Firenze com’era nelle vedute di Fabio Borbottoni”.
  • Il Museo Archeologico Nazionale di Firenze aprirà i suoi cortili interni, restaurati per l’occasione, mentre la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti inaugurerà il 28 marzo il percorso tattile per non vedenti “Firenze 1865: nascita di una capitale”.
  • Il 14 maggio, appuntamento a Palazzo Vecchio dove il corteo storico dei Gonfaloni raggiungerà Santa Croce, dove si terranno altri eventi commemorativi, mentre a Casa Martelli il 22 ottobre  si terrà un convegno in collaborazione con il Museo Davanzati per raccontare la realtà dei salotti fiorentini.
  • Infine, il 18 novembre si terrà nel meraviglioso Salone dei Cinquecento una commemorazione della data di insediamento della Camera dei Deputati, mentre
  • 19 novembre verrà inaugurata la mostra “Firenze Capitale 1865-2015. I doni e le collezioni del Re” a Palazzo Pitti.