marzo 29th, 2010

Dolci pasquali della tradizione siciliana

picureddisicilianaQuando si parla di cucina siciliana si pensa alla semplicità degli ingredienti che la compongono, alla fantasia dei cuochi e delle massaie, alla particolarità dei sapori e degli accostamenti influenzati dalle tante popolazioni che, nel corso dei secoli, con le loro culture, hanno attraversato e contaminato la regione.
Granite, gelati, contorni e primi piatti sono solo alcune delle celebri ricette siciliane diventate note nella tradizione culinaria italiana; ma è soprattutto durante le ricorrenze più importanti come il Natale, il Carnevale e la Pasqua che la cucina siciliana dà il massimo.
Secondo la tradizione, le ricette pensate per rallegrare il pranzo pasquale devono contribuire ad aumentare il tono della festa. In questa occasione, tra le portate decisamente più attese rientrano le specialità di pasticceria che, per Pasqua, propongono una varietà di biscotti, pani e paste dolci, al forno o fritte, arricchiti con pasta reale e ricotta e spesso decorati con uova sode colorate, che simboleggiano la speranza e la rinascita.
pupi_con_lovosicilianoOltre alle uova di cioccolato, le vetrine delle pasticcerie sono colme dei tradizionali cannoli, delle cassate e cassatelle con ricotta, di un’ampia scelta di biscotti e panieri fatti con pasta di pane: i “pupi ccu l’ova” e “picureddi”, pecorelle di pasta reale, sdraiate su di un lato e adagiate su prati verdi di zucchero disseminati di confetti colorati.
La pasta reale è un composto realizzato con pasta di mandorle dolci, albume d’uovo e zucchero. Il nome deriva dall’arabo Mauthaban che originariamente indicava una moneta, poi un’unità di misura, quindi lo stesso contenitore del marzapane. Tra i vari esempi del connubio tra simbologia e dolci pasquali ci sono i “palummeddi” modicani, una pietanza realizzata con la pasta dolce oppure con la farina d’orzo e di riso e contenenti un uovo sodo.
cassatasicilianaIl dolce che rappresenta un simbolo della tradizione culinaria siciliana, è senza dubbio la cassata, tipico dolce palermitano di origine araba, ripieno di ricotta addolcita, frutta candita, marmellata di albicocche e ricoperto da glasse colorate. Nata per celebrare la Pasqua dopo i sacrifici quaresimali, la cassata è ormai diventato un dolce preparato e consumato in qualunque momento dell’anno e ricorrenza e ormai diffuso un tutta Italia.
Le sue origini saracene sono rintracciabili nell’unione armonica di ingredienti e sapori: pan di spagna, ricotta, cioccolata e canditi. La tradizione vuole che la cassata sia il frutto della fantasia dei cuochi della corte dell’Emiro che intorno all’anno Mille risiedeva alla Kalsa di Palermo, ma la sua “vocazione pasquale” è testimoniata da un documento del Sinodo di Marzara del 1575 nel quale la cassata è definita “indispensabile nelle feste pasquali”.
La Pasqua è senza dubbio un’ottima occasione per visitare la Sicilia dal momento che offre, non solo la possibilità di conoscere e visitare luoghi meravigliosi, ma anche di assaporare dolci e pietanze dal gusto indimenticabile.

CATANIA : UNA Hotel Palace         SIRACUSA : UNA Hotel One

Write A Comment

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>